Quaragosh: il falso appello del Papa su Whatsapp

quara

Oggi alle 21:00, Papa Francesco chiama tutti in tutto il mondo, non importa dove ti trovi, né il credo o religione per un momento di meditazione o preghiera per la pace in Siria e nel resto del mondo. L’intero pianeta unito in preghiera per la pace.Se si riesce a trasmetterla, unitevi a noi nella preghiera urgente, perché il gruppo islamico radicale ha appena preso Quaragosh, la più grande città cristiana irachena. Dove ci sono centinaia di uomini cristiani, donne e bambini che stanno per essere decapitato. Si chiede per la copertura di preghiera. Si prega di prendere un minuto e pregare per loro. Far passare il messaggio a tutti i contatti, non tagliare la catena.Ci è stato chiesto di pregare, si prega di trasmetterla agli altri. eur-lex.europa.eu eur-lex.europa.eu
UNIAMOCI AL PAPA, STASERA, NEL NOSTRO PICCOLO…. anche da casa o ovunque ci troviamo.

 

Non solo è privo di senso un appello che indichi l’ora di un giorno non precisato, nonché un link al sito di accesso alla raccolta di leggi dell’Unione Europea: si tratta di una informazione storicamente e geograficamente errata.
Qaraqosh è la più grande città cristiana in Iraq che si trova nella piana di Ninive, a 30 chilometri da Mosul. E’ stata presa a luglio 2014, ben due anni fa e “liberata” ad ottobre di quest’anno dall’esercito iracheno.

La catena di Sant’Antonio ha cominciato a girare, più o meno con la stessa dicitura e tradotta in molte lingue, già a partire dal 2014, apparendo persino su alcuni profili Facebook e Twitter a nome di Papa Bergoglio.
Viene subito messa in dubbio da alcune pagine tra cui questa che appartiene ad un’ organizzazione che si occupa proprio dei cristiani perseguitati nel mondo:

quarac

Ridiventa virale quasi un anno più tardi, su questo sito, come proveniente direttamente da un “nord Iraq” non meglio precisato e subito smentita e rettificata sul blog stesso.

quar

Riassumendo: la città di Quaragosh (Qaraqosh), è stata presa a luglio 2014 e poi liberata, se si può dire così, nell’ottobre di quest’anno.
La preghiera, per chi ha fede, è sicuramente ben accetta. Non lo è la diffusione di appelli fasulli che sfruttano le disgrazie del medio oriente come fonte inesauribile di messaggi virali, catene di san’Antonio e post per avere visibilità.
Soprattutto ricordate che i profili social dei personaggi pubblici sono spesso non originali: la pagina Facebook di Papa Bergoglio ufficiale è questa e non vi è traccia di appelli simili.
Ricordate anche che spesso una semplice ricerca su google: “Quaragosh” + premi invio, permette di arricchire la propria cultura geografica e storica.

http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/iraq-isis-christians-mosul-offensive-latest-jihadis-qaraqosh-church-fear-a7402966.html

http://www.huffingtonpost.it/2014/07/22/iraq-fuga-cristiani_n_5610191.html

 

Questa voce è stata pubblicata in Bufale di attualità - False notizie, Catene di Sant'Antonio, precisazioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...